vanessa calda

Numeri a luci rosse: la testimonianza di Ramona

"Qui di seguito vi proponiamo la testimonianza di Ramona, una ragazza dal passato difficile che grazie ai numeri a luci rosse ha trovato motivo per vivere, riguadagnando terreno rispetto ad una giovinezza che le ha procurato solo e soltanto sofferenze.

899.75.76.00

 

Mi chiamo Ramona, ho 29 anni e mi sono appena laureata in Scienze della Comunicazione. Le mie radici genetiche sono a metà tra sarde e russe, e probabilmente è proprio questo mio doppio sangue l'origine stessa di tutte le sofferenze che ho dovuto patire nella mia (ancora giovane) vita: ho vissuto un'infanzia prima e un'adolescenza poi fatta di rancori familiari, di trasferimenti continui dall'Italia alla Russia (e viceversa), di liti e di riappacificazioni, di separazioni e di unioni che di fatto hanno caratterizzato la fase più bella della mia vita.

 

Fortunatamente, quando ho raggiunto poco più di 20 anni sono riuscita a prendere le distanze da questo mondo che mi stava letteralmente derubando della mia libertà, della mia dignità, del mio diritto ad una vita serena. Ed è così che, in un bel giorno di settembre, decisi di rispondere ad un annuncio di giornale che era alla ricerca di telefoniste erotiche da impiegare presso il suo centralino erotico.

 

Lavorare nei numeri a luci rosse avrebbe potuto rappresentare il punto di svolta per me: da lì in avanti avrei cominciato a guadagnar soldi e a metter su quei mattoni sui quali avrei potuto costruire il mio avvenire. Ma la professione di telefonista erotica mi avrebbe altresì dato l'occasione di sfogare le mie rabbie e di trasformarle in occasione di piacere per uomini e donne che si sarebbero rivolti a me.

 

Ebbene sì, ho deciso di sfruttare quell'occasione: ecco come sono finita a lavorare in questo settore, ed ecco come questa professione mi ha trasformata nel senso più positivo del termine: ora sono una donna quasi totalmente libera dai rancori del passato, fiera di sé stessa, emancipata ed economicamente autonoma."